Posso smettere di allattare e allattare in pochi mesi?

Indice de contenidos

Molte madri si chiedono se ci sia la possibilità di allattare di nuovo al seno dopo un lungo periodo di inattività. La risposta è sì, è possibile relazionarsi in pochi mesi dopo un’interruzione. Ecco come farlo e cosa puoi aspettarti.

Vale la pena relazionarsi tra qualche mese?

La relazione in pochi mesi è una possibilità reale. Operazioni, l’uso di un farmaco o un impegno di lavoro potrebbero essere alla base di un’interruzione prolungata. Ma questa situazione non significa la fine dell’allattamento al seno. Naturalmente, richiede perseveranza e comprensione dei limiti che derivano dall’interruzione dell’alimentazione per molto tempo. Te lo spiegheremo in dettaglio, in modo che tu possa allattare di nuovo il tuo bambino e fornire tutti i benefici che questo comporta per te e per il bambino.

L’allattamento al seno è sempre consigliato. Ecco perché, anche se ci vuole impegno e pazienza, vale la pena provare a far allattare di nuovo il tuo bambino. Le proprietà nutrizionali e la protezione immunitaria che fornisce sono uniche. Per questo motivo, l’OMS raccomanda il latte materno come fonte esclusiva di nutrimento per i primi sei mesi di vita. Trascorso questo tempo, consiglia di conservarlo fino a 24 mesi, mentre vengono introdotti nuovi alimenti. In altre parole, il tempo per recuperare l’allattamento al seno è molto lungo.

Come recuperare l’allattamento al seno dopo qualche mese di interruzione?

La cessazione dell’allattamento al seno per settimane o mesi non significa la fine dell’allattamento al seno, tutt’altro. Anche le madri che non l’hanno mai fatto prima raggiungono una produzione accettabile con una buona stimolazione. Cosa serve per raggiungere questo obiettivo senza perdere il peso del bambino?

Motivazione

Il primo requisito per riprendere l’allattamento al seno è la motivazione. È imperativo che tu sia disposto a fare il possibile per capire cosa è meglio per il tuo piccolo. Per rafforzare questa decisione, puoi cercare il supporto di familiari, amici intimi o professionisti dell’allattamento al seno.

Stimolazione

Una volta comprese le implicazioni emotive del ritorno all’allattamento al seno, è necessario prestare attenzione a quelle fisiche. Il periodo abituale in cui il seno ricomincia a produrre latte è da due a sei giorni, a condizione che ci sia stata una corretta stimolazione precedente.

Il contatto pelle a pelle è importante per avviare la produzione. Il bambino dovrebbe essere messo al seno più volte al giorno e cercare di farlo succhiare. Se il bambino non vuole succhiare, perché vede che non esce latte e diventa disperato, puoi provare a mettere qualche goccia di cibo sul capezzolo o mettere un integratore o un tubo fino a quando non ne esce una quantità sufficiente. Questa azione può essere integrata con la rimozione manuale per aumentare la quantità.

Sospensione dell’alimentazione artificiale

La formula dovrebbe essere gradualmente eliminata. A seconda di quanto tempo ci vuole per recuperare il flusso, la quantità dovrebbe essere abbassata in frazioni di 50 cc ogni tre giorni, controllando il peso del bambino.

Medicazione

Se i metodi indicati non funzionano o non funzionano nel modo desiderato, c’è un’altra opzione, quella di ricorrere ai farmaci per stimolare la produzione. Questi farmaci, chiamati galattogoghi, aumentano il rilascio di prolattina e quindi il flusso di latte.

Oltre a questi consigli per allattare in pochi mesi, bisogna tenere presente che ogni goccia di latte è molto preziosa e non può essere sprecata. Posizionare un raccoglitore di Haakaa sull’altro seno durante l’allattamento ti aiuterà a trarre vantaggio da queste gocce.

Condimenti Nursicare

Acquista ora

Comunità Bihotz

Più informazioni
  • scatola da 61 medicazioni Nursicare
    Medicazioni Nursicare
    29,5049,50
  • Curso Primeros Auxilios Pediátricos
    Il prezzo originale era: 99,00€.Il prezzo attuale è: 29,00€.

Altri post di interesse

Selecciona 3 productos para el regalo